domenica 15 febbraio 2015

Degenerazione vertebrale: le fasi

Per spiegare quello che chiamiamo "degenerazione vertebrale" prenderemo come esempio la colonna cervicale, ma questo processo può presentarsi lungo tutta la colonna vertebrale.

Situazione normale:
La curva (lordosi) cervicale è "morbida", gli spazi dei dischi intervertebrali sono ampi e regolari, i bordi delle ossa sono ben definiti, una grande varietà di movimenti sono possibili senza provare alcun fastidio.

Fase 1 di degenerazione:
nel primo stadio di degenerazione spinale abbiamo una piccola perdita della lordosi cervicale e un iniziale cambiamento della postura. Questo porterà ad una diminuzione dell'ampiezza di movimento del collo. Nervi, dischi e articolazioni cominciano ad invecchiare più velocemente e sopportano meno gli stress. Il movimento di ogni vertebra può essere alterato, ma il movimento complessivo del collo risulta normale o quasi. Questo stadio è raramente accompagnato da dolori importanti, più probabilmente ci saranno dei fastidi occasionali. Normalmente, a questo stadio, tornerete alla normalità con un trattamento chiropratico appropriato.

Fase 2 di degenerazione:
nel secondo stadio di degenerazione spinale, c'è una diminuzione sempre più accentuata dello spessore dei dischi intervertebrali e i contorni ossei sono meno definiti. La postura comincia a cambiare molto. Il canale spinale (dove passa il midollo) e i vari fori intervertebrali (dove passano i nervi spinali) iniziano a restringersi e questo porta spesso a dolori e disturbi associali, anche un po' di fatica. C'è anche una iniziale diminuzione di statura. Il trattamento chiropratico è consigliato e porta a miglioramenti importanti.

Fase 3 di degenerazione:
nel terzo stadio di degenerazione spinale troviamo un coinvolgimento fisico e mentale importante. I disturbi e dolori spesso sono costanti. Lo squilibrio posturale è severo, ci si affatica molto e c'è una diminuzione di statura più importante. I movimenti sono molto limitati e accentuano i dolori. Quasi sicuramente si ritrovano danni neurologici e ossei. La chiropratica può aiutare migliorando i sintomi.

La chiropratica può arrestare e ridurre, quando la situazione lo permette, la degenerazione vertebrale, migliorando in questo modo la postura e l'equilibrio della colonna e mantenendo le articolazioni, i nervi e i dischi sani e forti.

Naturalmente il miglior modo per avere una spina dorsale in ottima salute è la prevenzione: vita sana, esercizio fisico, dieta equilibrata e chiropratica.